Crea sito

Categorized | News, Salute

Microchip nell’Uomo dal 2017!

Si parla già da diverso tempo del Microchip nell’uomo e ultimamente l’ex direttrice del Defense Advanced Research Projects Agency (DARPA) e ora direttore esecutivo di Google , Regina E. Dugan, ha presentato un super piccolo microchip da ingerire e che tutti potremmo “ingoiare” entro il 2017. “Un mezzo di autenticazione,” lo chiama lei, chiamato anche tatuaggio elettronico, che prenderà informazioni personali su altri livelli.


Microchip nell’uomo e contatto con le macchine!

Nel Video Regina E. Duncan parla del “problema meccanico” della mancata corrispondenza tra le macchine e gli esseri umani,’ e si rivolge in particolare a chi ha 10 – 20 anni di età elencando le meravigliose qualità di questa nuova tecnologia che potrà allungare la vita del corpo umano ed essere ancora funzionale come un ventenne.
Salutato come un ‘cambiamento importante per la ricerca e la medicina,’ questi microchip nell’uomo non solo consentirebbero l’accesso completo alle compagnie di assicurazione e agenzie governative per la conformità (o per la sua assenza), ma anche ad una serie di altri aspetti della nostra vita, che sono l’inizio di un ampliamento della rimozione delle nostre libertà e dei diritti.

Il New York Times scrive sul Microchip nell’uomo

microchip nell'uomo

“Questi Microchip nell’Uomo o Biochip sembrano i circuiti integrati di un personal computer, ma invece contengono piccoli semiconduttori, sono caricati con frammenti di DNA effettivo che compongono geni o frammenti di geni. Inserito in uno strumento di analisi , i microchip consentono agli scienziati di effettuare migliaia di esperimenti biochimici ad una frazione del costo e il tempo necessario per le prove tradizionali “.
Ma , la domanda sorge spontanea su questi Microchip , con tutti gli esperimenti bio-tech di ibridazione dei geni nel nostro cibo e nelle piante come gli OGM, perché dovremmo dare loro pieno accesso a tutta la nostra costituzione genetica?
Con un satellite o con un clic di un pulsante, questi piccoli microchip nell’uomo potrebbero anche essere impostati per determinare la nostra stessa fine, o anche controllare le nostre menti.

La legge di Obama e il Microchip nell’Uomo

“Questa nuova legge Health Care (Obamacare) richiede che un chip RFID possa essere impiantato in tutti gli americani. Questo chip non solo contiene le informazioni personali con funzionalità di monitoraggio, ma sarà anche collegato al conto bancario. E ottenere questo, pagina 1004 della nuova legge (che detta la tempistica di questo chip), si legge, e cito: ‘Entro 36 mesi dopo la data di promulgazione “. Ora è la legge della terra che dal 23 Marzo 2013 saremo tutti tenuti ad avere un chip RFID sotto la nostra pelle e questo chip sarà il link per i nostri conti bancari, così come avere i nostri record personali e la capacità di monitoraggio … ‘ ”
Questa non è una nuova idea – Dr. Jose M.R. Delgado, direttore di Neuropsichiatria alla Yale University Medical School Congressional Record, già il 24 febbraio 1974 discute ampiamente in un articolo in cui afferma: “L’uomo non ha il diritto di sviluppare la propria mente. Questo tipo di orientamento liberale ha un grande appeal. Dobbiamo controllare elettricamente il cervello. Un giorno Alcuni eserciti e generali saranno controllati mediante la stimolazione elettrica del cervello “.

Entro Dicembre 2016 in Europa tutti i nascituri dovranno essere dotati di microchip sottocutanei.

E ‘questo il tipo di mente che sta creando la guerra bio-tech, sotto forma di OGM, scie chimiche, e vaccini? E se quello detto dal Dr Jose si fosse già realizzato in campo militare e avesserto già creato degli eserciti controllati elettricamente?

A voi l’ardua sentenza!
Seguici anche sulla Pagina Ufficiale facebook e condividi con i tuoi amici Tutti devono sapere!

Fonti: http://www.nytimes.com/1999/12/21/business/biology-meets-high-technology-biochips-signal-critical-shift-for-research.html

microchip nell'uomo

SeguiIl Complotto

Pancia Piatta in 3 Settimane

Utilizzando il sito, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. maggiori informazioni

Questo sito utilizza i cookie per fonire la migliore esperienza di navigazione possibile. Continuando a utilizzare questo sito senza modificare le impostazioni dei cookie o clicchi su "Accetta" permetti al loro utilizzo.

Chiudi